UA-60450045-1

   Film 100 Anni UGET  

     Film  FUGERA    

 Cartolina Fugera

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CAI Sede

 

 

 

Lo scarpone

 

 

 

Valsusa turismo

Eventi

Plateau216 giugno 2024
Plateau d’Emparis
Visualizza album fotografico


In questa primavera piovosa siamo riusciti a trovare una finestra di bel tempo che ci ha ripagato del lungo viaggio in auto per arrivare al lago di Chambon, il punto di partenza della pedalata.Plateau4

Lungo viaggio reso ancora più penoso da una colonna di 10 camper che ci ha imposto una lenta marcia dal Monginevro fino al Colle del Lautaret.

Siamo in 11, di cui 3 “muscolari” e 8 “elettrici”. Partiamo in salita verso il paesino di Mizoen dove imbocchiamo una strada estremamente panoramica, con pendenze tranquille e fondo buono; Luisella è contenta e tira la volata; dopo 1200 mt di dislivello e 17 km arriviamo all’altopiano del Plateau d’Emparis, meta della nostra uscita.Plateau5

Imbocchiamo uno sterrato che in breve ci conduce alle sponde di un torrentello da guadare. Scalzi e con la bici in mano superiamo questo primo ostacolo, subito dopo meritato riposo e frugale pranzo.

Adesso occorre raggiungere il Col Souchet, 2350 mt e punto più alto del percorso; lo sterrato finisce e un breve strappo in salita viene superato zizagando nei prati e su sentiero.

Al colle foto di gruppo con panorama grandioso su Meje e Rateau ancora fortemente innevati.Plateau6

Inizia una breve e sconnessa discesa, poi un lungo traverso con alcuni brevi “portage” quindi la lunga e tecnica discesa su Le Chazelet. Purtroppo i sentieri non sono più in buono stato come due anni fa; probabilmente le frequenti piogge di questa primavera hanno lasciato il segno e a pagarne lo scotto sono le cicliste meno esperte e più timorose che sono costrette a fare lunghi tratti di discesa con mtb alla mano. Unica temeraria Iolanda che però paga il coraggio con una caduta fortunatamente senza gravi conseguenze (un taglio sulla gamba e un bollo un fronte; è il “mestiere che entra”).Plateau7

Ultima discesa su La Grave, chi su strada chi su sentiero e meritata bevuta al bar.

Restano ancora 13 km di asfalto per ritornare alle auto.

Che dire... Bel gruppo, tutti bravissimi (specie i muscolari che hanno retto il ritmo degli elettrici), bel percorso, panorama stupendo, temperatura ideale (frescolino con il sole).

Alla prossima.

Claudio BlandinoPlateau3

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.