UA-60450045-1

   Film 100 Anni UGET  

     Film  FUGERA    

 Cartolina Fugera

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CAI Sede

 

 

 

Lo scarpone

 

 

 

Valsusa turismo

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
10
11
12
13
14
15
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Monte Isola517 marzo 2024

Monte Isola

Visualizza album fotografico

Torniamo dopo una quindicina di anni a ripercorrere i sentieri che si inerpicano su questo "monte" che ha l'assoluta peculiarità di essere anche un'isola....
Monte Isola è un comune situato come dice il nome su quest'isola nel Lago d'Iseo ed è nel panorama lacustre la più grande a livello europeo nel suo genere, conta circa 1700 abitanti sparsi in varie pittoresche borgate.Monte Isola

Su di essa le automobili sono bandite e solo le motociclette (comunque troppe...) e le biciclette sono tollerate. Come avvenne alla prima esperienza anche questa domenica 17 Marzo 2024 siamo in circa 115 partecipanti suddivisi in due pullman. La partenza alle ore 06.00 fortunatamente quest'anno non coincideva con il cambio dell'ora solare come invece negli ultimi anni succedeva per le gite con mete più lontane. Raccolti tutti i partecipanti lungo le solite fermate, più una sosta straordinaria in autostrada a Brandizzo ci si ritrova tutti insieme in Autogrill per la colazione e due veloci chiacchere, perchè il tempo è più che mai prezioso all'andata per la logistica della giornata.

Purtroppo in questi ultimi anni il costo dei mezzi a noleggio è aumentato sensibilmente e contestualmente l'organizzazione dei tempi lavorativi degli autisti dei mezzi, ha vincolato alcune scelte non proprio simpatiche, ma necessarie, come quella di oggi, ove una volta giunti a destinazione, dovremo stare fermi con i pullman per nove ore consecutive, per non avere l'aggravio di due autisti in "spinta" ai titolari che hanno il vincolo di impegno giornaliero fissato in quindici ore complessive, che si guidi o no. Quindi dovendo andare in luoghi non proprio vicini, queste scelte, per contenere i costi sono quasi d'obbligo.

Monte Isola3Giunti a Sulzano alle ore 10 circa, dopo una discesa avventurosa dai pullman in uno spazio ristrettissimo e sotto un "fuoco" di clacson di gitanti in automobile poco educati, riusciamo a raggiungere l'imbarco del traghetto, che ci accoglie al completo. Si giunge a Peschiera Maraglio in pochi minuti e subito una lunga fila indiana si infila nei vicoli che conducono all'attacco della mulattiera.

Volevo seguire in primis il sentiero n.° 2 per la meta, ma opto invece ad accompagnre il gruppo sul seniero n.°1 all'andata, che subito parte in salita abbastanza decisa, ma con scorci molto belli su questo lago, che nel 2016 balzò nelle cronache mondiali, per l'opera effimera dell'artista Christo, che manco a dirlo, fece camminare sulle acque del lago migliaia di persone, su un tappeto galleggiante tra le sponde di Sulzano, Monte Isola e l'isoletta di S.Paolo.

In circa due ore raggiungiamo la cima dell'isola, presso il Santuario della Madonna della Ceriola, che da secoli rappresenta il luogo della preghiera per gli abitanti, nei secoli per lo più pescatori e agricoltori.

Consumiamo il pranzo al sacco, questa volta senza pioggia, come avvenne anni fa, ma non con la temperatura che il meteo ci aveva preannunciato.Monte Isola2

Scendiamo verso Peschiera dal sentiero n.°2, attraversando le borgate Olzano e Masse, che avevamo scartato all'andata e scopriamo che le note di pericolosità inserite sulla guida sono forse un pochino enfatizzate per un gruppo di camminatori, che è vero che è un po avanti con gli anni, ma conserva la voglia di avventura.

All'arrivo al porto il "libera tutti" per circa due ore fa si che tutti si sparpaglino nei vari locali per un'apertivo, per un gelato, e anche per la meritata merenda sinoira, visto che la cena la vivremo sui pullman, con partenza prevista alle 19.30. Cosa che avviene puntualissima e complice un traffico ancora poco intenso alle ore 22.30 siamo nuovamente in Valle, con un ricordo di una bella giornata passata in compagnia di un bel gruppo di amici, pronto a nuove escursioni. A presto!

Osvaldo Vair

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.